ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Vaccinazione anti-influenzale: cosa e' necessario conoscere

 

L’influenza e' una malattia grave?
L’influenza e' una malattia provocata da virus influenzali che si trasmette per via respiratoria da una persona malata a un persona sana. Puo' manifestarsi in ogni eta'. I sintomi principali sono: febbre, mal di gola, tosse, mal di testa, dolori muscolari.
La maggior parte delle persone si ammala per pochi giorni. Le persone anziane o con malattie croniche possono avere complicanze – principalmente polmoniti e problemi cardiaci – che possono richiedere il ricovero in ospedale e, in taluni casi, provocare la morte.

Il vaccino anti-influenzale e' efficace?
La vaccinazione anti-infulenzale e' il mezzo disponibile piu' efficace e sicuro per prevenire la malattia. La protezione si sviluppa due settimane dopo la vaccinazione e dura almeno sei mesi. Nelle persone anziane, negli adulti e nei bambini affetti da malattie croniche che, pur vaccinati, dovessero ammalarsi, il vaccino protegge efficacemente dalle complicanze e riduce fino all’80% la probabilita' di ricovero in ospedale o di morte.

Per chi e' necessaria la vaccinazione anti-influenzale?
La vaccinazione e' necessaria per le persone “a rischio” (gli anziani dai 65 anni di eta'; i bambini e gli adulti con malattie croniche) e per le persone addette all’assistenza sanitaria e sociosanitaria o occupate in servizi di pubblica utilita'. Per tutti questi, il Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna ogni anno organizza una campagna di vaccinazione anti-influenzale gratuita.

Ecco le persone per le quali il vaccino anti-infulenzale e' necessario e gratuito:

  • Anziani a partire dai 65 anni;

  • Bambini (dai 6 mesi di eta') e adulti affetti da:

    • Malattie croniche dell’apparato respiratorio, circolatorio, urinario;

    • Malattie del sangue;

    • Diabete e altre malattie del metabolismo;

    • Sindromi da malassorbimento intestinale;

    • Fibrosi cistica;

    • Malattie congenite e acquisite che causano una diminuzione delle difese immunitarie;

    • Patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;

    • Bambini con malattia reumatica soggetti a prolungata assunzione di acido acetilsalicilico (ad esempio aspirina;

  • Personale sanitario e di assistenza (che opera in ospedale, in strutture di ricovero per anziani, in ambulatorio, in assistenza domiciliare);

  • Addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo: forze di polizia, vigili del fuoco, volontari dei servizi sanitari e di emergenza, addetti ai trasporti pubblici;

  • Familiari o conviventi di persone a rischio di sviluppare una malattia grave.

 

la vaccinazione contro l’influenza e' sicura ed efficace. Coloro che, pur non appartenendo ad un gruppo a rischio decidono di vaccinarsi, possono acquistare il vaccino in farmacia e rivolgersi al proprio medico di famiglia o al proprio pediatra per la vaccinazione 

La vaccinazione e' utile per tutti i bambini?
I bambini in buone condizioni di salute, di solito, guariscono dall’influenza in pochi giorni. In Italia, come negli altri Paesi dell’Unione Europea, Il Ministero della Salute raccomanda la vaccinazione anti-influenzale soltanto per i bambini affetti da disturbi cronici o congeniti. A questi, il Servizio sanitario regionale dell’ Emilia-Romagna garantisce la vaccinazione gratuita.

Chi non deve vaccinarsi contro l’influenza?
La vaccinazione anti-influenzale e' controindicata:
- nelle persone allergiche alle proteine dell’uovo (il vaccino anti-infulenzale viene prodotto su uova embrionate di pollo);
- nelle persone che abbiano manifestato problemi neurologici o reazioni allergiche importanti dopo una precedente vaccinazione contro l’influenza.

 

In presenza di febbre o malattie gravi la vaccinazione deve essere rimandata. Altre specifiche situazioni devono essere valutate assieme al medico di famiglia o al pediatra di fiducia.

Possono esserci effetti collaterali nella vaccinazione anti-influenzale?
Gli effetti collaterali della vaccinazione sono rari e di scarsa entita'. I piu' comuni sono: arrossamento, gonfiore e dolenza nel punto di iniezione; malessere generale e febbre leggera di breve durata. Eccezionalmente si possono verificare: reazioni allergiche, come orticaria e asma che si manifestano in genere subito dopo la vaccinazione nelle persone con ipersensibilita' nota alle proteine dell’uovo o altri componenti del vaccino; disturbi neurologici minori come parestesie e nevralgie.

E’ possibile ammalarsi anche se si e' vaccinati?
I virus influenzali cambiano di frequente e il vaccino puo' non proteggere completamente dai nuovi tipi di virus dell’influenza che si sviluppano durante la stagione. Le persone vaccinate, tuttavia, in caso di infezione hanno sintomi piu' lievi e sono protette dalle complicanze della malattia.

 

Nel periodo invernale ci sono anche altri virus non influenzali che provocano febbre e raffreddore. Il vaccino – in questi casi – non e' efficace perche' da' protezione solo contro la malattia causata dai virus influenzali.

La vaccinazione anti-influenzale protegge dalla Sars?
No. Influenza e Sars (Sindrome Respiratoria acuta severa) sono malattie distinte, sostenute da virus diversi:
la vaccinazione contro l’influenza non ha alcuna efficacia nel prevenire la Sars o nel ridurne gli effetti.
I sintomi iniziali possono essere simili; pertanto un’elevata copertura vaccinale contro l’influenza puo' ridurre dubbi e timori nell’eventualita' che si ripresentassero casi di Sars nel mondo.

Qual e' il periodo migliore per la vaccinazione?
In Italia il momento piu' opportuno e' da fine ottobre a fine novembre poiche' i virus influenzali mostrano la massima attivita' tra l’inizio di gennaio e marzo.

A chi rivolgersi per la vaccinazione anti-influenzale?
Le vaccinazioni vengono effettuate dal medico di famiglia e dal pediatra di fiducia gratuitamente per le persone a rischio, a pagamento per tutte le altre.
Per le persone a rischio con difficolta' a recarsi in ambulatorio, il medico di famiglia e il pediatra di fiducia effettuano gratuitamente la vaccinazione a domicilio.
Agli operatori sanitari e agli addetti ai servizi di pubblica utilita' la vaccinazione gratuita viene proposta dalle Aziende sanitarie.

Come avviene la vaccinazione?
il vaccino anti-influenzale viene somministrato con un’iniezione intramuscolare, preferibilmente nella parte superiore del braccio (muscolo deltoide).

 


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Cittą Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website