Legge sulle seconde case. Telefono Blu contro le vessazioni. Ecco le modalità di tutela.

Con riferimento alle richieste di pagamento che la Regione Sarda sta inoltrando in questo periodo ai possessori di seconde case situate entro i 3 Km. dal mare, Telefono Blu Consumatori, promotore della stragrande maggioranza dei ricorsi tende a precisare agli oltre 300 mila possessori di seconde case nell'Isola che le lettere che stanno pervenendo dalla Regione risultano essere, allo stato, degli avvisi di pagamento con richiesta di comunicazione, di eventuali variazioni o cause di esenzione nel caso in cui i dati catastali in possesso della Regione medesima (modello MDC 06 allegato alla comunicazione) non siano corretti.

In primo luogo, siano riscontriate degli errori di qualsivoglia natura nelle comunicazioni ricevute dalla Regione Sarda, dovranno essere immediatamente a comunicarli alla Regione medesima, via fax o con raccomandata. Ciò premesso, diciamo subito , insiste Telefono Blu nella sua nota, che il pagamento chiesto dalla Regione deve essere onorato, a norma di legge, entro il 20.06.2007. Le modalità di pagamento sono quelle indicate negli avvisi medesimi: il modello F24. Per quanto concerne l’entità dell’imposta, la legge finanziaria ha recentissimamente definito una diminuzione delle misure e pertanto, le stesse, non devono essere più considerate quelle specificate nella comunicazione della Regione (per comprenderci da € 900,00 per i fabbricati di superficie fino a 60 metri quadri e così via). Orbene, l’art. 3 della legge finanziaria 2007, definito proprio in questi giorni, ha confermato quelle modifiche favorevoli sull’entità dell’imposta di cui si è parlato nei mesi scorsi e che prevedono una sostanziale diminuzione degli importi nei termini che seguono: Per comprenderci e fare alcuni esempi: per un immobile di 60 mq. si passa dai € 900,00 a € 540,00, per uno da 210 mq. si scende da € 3.150,00 ad € 2.590,00.

L’imposta deve essere corrisposta entro il 20 di giugno utilizzando il modello F24 e basandosi sui nuovi parametri individuati dalla legge finanziaria 2007 (applicabili anche per l’imposta relativa al 2006). Non è necessario che la Regione vi invii una ulteriore ed apposita richiesta di pagamento, il pagamento deve avvenire nel periodo compreso tra il primo giugno ed il venti giugno, in coincidenza con i termini di pagamento delle imposte a saldo scaturenti dalle dichiarazioni del modello UNICO. In questo caso se la legge dovesse essere ritenuta illegittima si potrà richiedere, in un secondo momento, il rimborso delle somme pagate I proprietari di seconde case che non volessero, comunque, pagare l’imposta, attenderanno la notifica dell’avviso di accertamento e dovranno proporre opposizione entro i 60 giorni dalla notificazione dello stesso tenendo presente, in questo caso, la concreta possibilità di subire sanzioni ed interessi fino ad un aumento di circa il 40% .

HOME

Copyright © Telefono Blu SOS Consumatori

E' vietata la riproduzione anche parziale

La proprietà di marchi, simboli, scritti, dati ecc. e' di Telefono Blu©.

Ogni eventuale utilizzazione deve essere richiesta ivi compresa la creazione di link.

 

 

free stats