ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Città Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

goccia  Salva la tua vita

> Comunicati stampa

> Pronto Soccorso

> Documenti


La carta sanitaria


Il braccialetto elettronico


Fate girare questa l'informazione

Se tu dovessi essere ricoverato in ospedale, saresti in grado di ricordarti le malattie avute, le eventuali allergie, i medicinali che stai assumendo? Forse si, ma probabilmente in modo approssimativo, non esatto, magari incompleto. Se arrivassi in stato di incoscienza, chi potrebbe per te ricordare tali informazioni? Se poi ti sentissi male per strada, o ti trovassi coinvolto in un incidente stradale, nessuno potrebbe fornire ai medici del Pronto Soccorso alcuna informazione, probabilmente nemmeno il tuo nome e cognome. Nell'ambito della tua famiglia o dei tuoi conoscenti vivono persone anziane, disabili, affette da particolari patologie, spesso invalidanti: quando queste persone arrivano al Pronto Soccorso in molti casi fanno fatica a ricordarsi come si chiamano, e certamente non si ricordano le malattie, i medicinali assunti, le allergie. Il medico che interviene opera al buio e rischia di provocare danni anche gravi perché non conosce niente di quel paziente.

Oggi le cartelle sanitarie delle persone sono custodite dai medici di base. Altre informazioni sono detenute dagli Ospedali, dai medici specialisti, dai dentisti: il cittadino ha solo pezzi di carta parziali, custoditi in maniera casuale.

L'unico vero proprietario dei propri dati sanitari non solo non ha nulla, ma non ha nemmeno idea di come vengano trattati ed usati quelli presenti nelle strutture mediche.

Bisogna appropriarsi di questi dati, averli, non tutti, ma solo quelli essenziali e che possono fare la differenza tra la vita e la morte.

Una medaglietta al collo è più sicura di una carta che ognuno custodisce dove crede e che quindi diventa inutile nel momento del bisogno.

Migliora la tua sicurezza acquistando per te e per i tuoi cari una medaglietta salva vita: la differenza tra la vita e la morte non vale 20 euro.

La medaglietta è realizzata in materiale anallergico, la collana di sostegno è in cotone.

 

Il braccialetto elettronico
Consiste in un normale braccialetto di plastica che contiene al suo interno un microprocessore, che può essere scritto e letto a distanza da un apposito lettore di poco ingombro.

Sul microprocessore inserito nel braccialetto si possono caricare  molte informazioni quali le prescrizioni dei medicinali, gli esami richiesti, le visite specialistiche, gli esami strumentali, gli interventi chirurgici da effettuare e molto altro ancora.

Utilizzando il lettore ed il braccialetto insieme si possono verificare la corrispondenza delle prestazioni con le prescrizioni mediche. Si limitano gli errori nella somministrazione dei medicinali, nella distribuzione delle sacche di sangue, negli interventi chirurgici ed in molti altri casi.

Oggi il personale infermieristico non ha alcun aiuto informatico che gli consenta di evitare errori, tutto è su moduli cartacei scritti a mano a volte con calligrafie di difficile lettura. E’ solo con compiti importanti, a volte vitali per il paziente, senza alcun supporto informatico che lo aiuti a non sbagliare.

I codici a barre attualmente in uso in alcuni ospedali sono strumenti vecchi e superati, poiché la loro lettura visualizza solo un numero ed alcune lettere. Sono utili per collegare la madre al bambino, ma non sono in grado di dire se il bambino ha mangiato, in quale quantità, a che ora, come è il suo stato di salute, quale medico lo ha visitato, a che ora, in quale giorno e molto molto altro ancora. La massima responsabilità per il personale è nei reparti di rianimazione, o comunque dove il paziente è in stato di incoscienza, o non è in grado di capire, l’errore in buona fede in questi casi può essere fatale.

Quando succede un evento di cosiddetta mala sanità i giornali si scatenano, la struttura sanitaria viene additata alla pubblica esecrazione e i cittadini si indignano:

NON BASTA INDIGNARSI BISOGNA AGIRE AGIRE

chiedendo alle Regioni di adottare i sistemi più innovativi che possano diminuire in maniera sensibile i margini di errore nelle strutture sanitarie.

 

In Viaggio

Se si è in viaggio all’estero, lontano da casa, può essere utile avere con sé alcuni documenti cartacei che certifichino il proprio stato di salute e/o le malattie e le terapie in atto.

Tra poco tempo sarà possibile depositare le informazioni sanitarie, e non solo, in un elaboratore, in forma assolutamente anonima. 

Tali informazioni potranno essere richiamate da qualsiasi parte del mondo  tramite Internet  utilizzando un telefono cellulare o  un personal computer, in assoluta sicurezza. ezza.

I dati inseriti da un medico potranno essere scritti oltre che in italiano anche in altre lingue od anche tradotti automaticamente.

 


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website