ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Regole low cost

Low Cost, quando l’aereo costa troppo, in realta' si possono trovare offerte particolari. Online presso aeroporti, presso agenzie. Ma bisogna sempre fare attenzione alle offerte. Sono milioni gli italiani che usano l’aereo per le loro vacanze. Ecco allora le regole di Telefono Blu:

  1. si tratta di offerte molto valide

  2. ovviamente bisogna accertarsi che sia fonti credibili (internet piu' a rischio) e comunque rintracciabile nelle normali agenzie ed in areoporto

  3. piu' che rischi bisogna verificare le regole sotto

  4. ogni ricorso va fatto secondo le modalita' come vedra' sotto

Consideriamo che oggi il viaggio low cost e' scelto oramai dal 10% dei  vacanzieri che scelgono il volo aereo e dal 12% di coloro che viaggiano per affari ed altro.

Alcuni nomi di compagnie che operano in Italia: Virgin Express, EasyJet, Volareweb.

Offrono voli a costo bassissimo per le tratte comunitarie. Per un volo "no frills" e', con tutta evidenza, un risparmio straordinario.

Limitazioni: in caso di rinuncia al volo non si ha il rimborso, se il volo viene cancellato non si ha diritto a pasti o pernottamenti, non si ha assistenza in caso di ritardo e perdita di voli coincidenti.

Informarsi sull'ubicazione degli aeroporti di partenza e di arrivo (aeroporti minori). Vanno aggiunte le tasse aeroportuali, che variano in relazione agli aeroporti di partenza e di arrivo piu' supplemento per la prenotazione online.

Telefono Blu, l’organismo di tutela dei turisti-consumatori, ha preparato un apposito decalogo. Ancor prima invita tutti a tenere in tasca, in borsetta e nel portafoglio il numero del centralino 348.91.55.775 e nei “preferiti“ del computer il portale www.telefonoblu.it  e www.sosviaggiatore.com.

Decisi a viaggiare si puo' avere veramente da fare con delle vere e proprie drammatiche situazioni. I viaggiatori nel mondo sfiorano il miliardo oramai e i mezzi di trasporto diventano una risorsa strategica. I numeri, le dimensioni del problema, la mancanza di qualita' e tanti altri fattori ogni anno portano migliaia di persone anche nel nostro paese a dovere avere a che fare con i trasporti.

 

Ricordiamo alcune "regolucce"

In aeroporto dopo la quarta ora di ritardo si deve e si puo' chiedere un rimborso, non generico ma circostanziato comprensivo di spese aggiuntive e di eventuali danni arrecati. Anche per i bagagli esistono delle convenzioni internazionali che consentono di avere  rimborsi in base al peso e anche ai tempi, occorre verificare se si tratta di smarrimento, di ritardo, di danneggiamento.

Costituisce la prova della conclusione del contratto di trasporto. Senza il suo acquisto tale contratto non si perfeziona.In caso di acquisto del biglietto aereo tramite Internet e pagamento con carta di credito, la carta di imbarco viene ritirata il giorno della partenza, in aeroporto.Il passeggero ha pero' il diritto di ricevere, all’atto dell’acquisto, la ricevuta del viaggio (Itinerary Receipt), nella quale devono essere riportati i dati relativi al passeggero, al volo e tutte le altre informazioni contenute nel biglietto aereo tradizionale.Nel caso di smarrimento del biglietto aereo nel corso del viaggio, bisogna immediatamente contattare la compagnia aerea e seguire le istruzioni da essa fornite. La prenotazione del voloAll’atto della prenotazione il passeggero ha il diritto di ricevere informazioni dettagliate:

  • sulla compagnia aerea che effettivamente svolgera' il collegamento;

  • sugli orari dei voli e le tariffe;

  • sulla modalita' di assistenza per i passeggeri disabili e per i minori non accompagnati.

  • La prenotazione diventa definitiva solo con la successiva emissione del biglietto a seguito dell’acquisto.

  • L’overbooking

Il termine significa sovraprenotazione e si ha quando le compagnie aeree, per cautelarsi dal cosiddetto no-show, per evitare cioe' di far viaggiare l’aereo con posti vuoti, accettano piu' prenotazioni rispetto ai reali posti disponibili. Di norma funziona, ma a volte accade che tutti i passeggeri si presentino all’imbarco e che qualcuno rimanga a terra.

In tal caso, il passeggero ha diritto di scegliere fra:

  • il rimborso senza penali dell’intero costo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata;

  • un volo alternativo quanto prima possibile fino alla destinazione finale;

  • un volo alternativo in una data successiva a lui piu' conveniente.

Nel caso in cui al passeggero venga offerta la possibilita' di viaggiare in una classe inferiore rispetto a quella per la quale ha pagato il biglietto, ha diritto al rimborso della differenza di prezzo.Indipendentemente dalla scelta che il passeggero effettuera', egli, per il solo fatto di non aver potuto usufruire del servizio di trasporto precedentemente concordato, acquisisce il diritto a che la compagnia aerea gli paghi immediatamente e senza che ne faccia richiesta:

  • 150 Euro (L 290.440), per i voli inferiori a 3.500 Km.

La somma si riduce a 75 Euro (L. 145.220) nel caso in cui la compagnia offra un volo alternativo che gli permetta di arrivare a destinazione non oltre 2 ore dopo l’orario di arrivo del volo programmato;

  • 300 Euro (L. 580.880), per i voli superiori a 3.500 Km

La somma e' invece pari a 150 Euro (L. 290.440) nel caso in cui la compagnia offra un volo alternativo che permetta al passeggero di arrivare a destinazione non oltre 4 ore dopo l’orario di arrivo previsto per il volo programmato.

Il viaggiatore ha la facolta' di scegliere la modalita' di corresponsione della somma.

La compagnia deve garantire a coloro ai quali sia stato negato l’imbarco:

  • la possibilita' di effettuare gratuitamente una telefonata o l’invio di un fax o di un telefax nel luogo di destinazione;

  • l’assistenza necessaria e gratuita per tutto il periodo di attesa, prima del volo, compresi quindi pasti e servizi alberghieri

 

Ritardata partenza e cancellazione del volo

In caso di ritardo nella partenza, il passeggero ha il diritto di esserne informato entro la prevista ora d’imbarco e ha altresi' il diritto a ricevere aggiornamenti sulla situazione ogni 30 minuti.

Nel caso di cancellazione del volo, ha diritto ad ottenere la risoluzione del contratto e il rimborso del biglietto per la tratta non utilizzata, salvo le ulteriori azioni risarcitorie nel caso in cui la cancellazione sia imputabile al vettore.

La Compagnia aerea deve garantire al passeggero tutta l’assistenza necessaria al fine di ridurre al massimo il disagio subito.

 

Responsabilita' relative al bagaglio

Puo' accadere che durante il viaggio il bagaglio venga danneggiato o smarrito.

La responsabilita' del vettore in questi casi varia a seconda che si tratti di viaggi internazionali o nazionali.

Nei trasporti internazionali, il passeggero ha diritto ad un risarcimento fino a 24 Euro (£ 46.470 circa) per chilogrammo del bagaglio registrato, ossia consegnato al momento dell’accettazione, salvo il caso in cui non sia stato dichiarato un valore maggiore. Il risarcimento per il bagaglio a mano e' invece previsto nel solo caso in cui si dimostri la responsabilita' della compagnia. In tal caso ogni passeggero ha diritto ad un risarcimento fino a 461 Euro (£892.000 circa).

Nei trasporti nazionali, invece, per lo smarrimento o il danneggiamento del bagaglio registrato, spetta al passeggero un risarcimento fino a 222.8 Euro (£ 430.000) per ciascun bagaglio registrato ovvero fino a 6.20 Euro (£ 12.000) per chilogrammo, salvo il caso di dichiarazione di maggior valore.

Per il bagaglio a mano, una somma fino a 1007.9 Euro (£ 1.950.000) per passeggero.

La contestazione relativa al bagaglio registrato va fatta per scritto all’atto stesso della riconsegna (o della mancata riconsegna, in caso di smarrimento) per mezzo degli appositi moduli PIR (Passenger Irregularity Reports) disponibili presso l’assistenza bagagli, la compagnia aerea o il gestore aeroportuale.

Nel presentare il reclamo scritto alla Compagnia, ci sono dei termini da rispettare a pena di decadenza:

  • 3 gg dalla contestazione per il danneggiamento e 14 per lo smarrimento del bagaglio, nel caso di voli nazionali;

  • 7 gg dalla contestazione per il danneggiamento e 21 gg per lo smarrimento, nel caso di voli internazionali

Nel caso in cui il danno al bagaglio venga accertato solo una volta giunti a casa, la denuncia alla compagnia va effettuata:

  • entro 3 gg dalla riconsegna, nel caso di voli nazionali;

  • entro 7 gg dalla riconsegna, nel caso di voli internazionali.

Il diritto al risarcimento inoltre prescrive:

  • per il bagaglio non registrato, in 6 mesi dall’arrivo a destinazione nei viaggi nazionali e 2 anni dall’arrivo a destinazione nei viaggi internazionali (il passeggero deve dimostrare che la causa del danno e' imputabile alla compagnia)

  • per il bagaglio registrato, in 1 anno dalla riconsegna nei viaggi nazionali e in 2 anni dalla riconsegna nei viaggi internazionali (in questo caso e' la compagnia che deve dimostrare la non imputabilita' del danno ai suoi dipendenti e preposti).

 

 


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Cittą Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website