ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Navigando sul Web...

 


Consumatori e risorse informatiche: risparmiare si puo'

Roma 11 GENNAIO 2004 - Singole persone ed associazioni hanno spesso ridotte capacita' economiche, e devono fare fronte a non poche spese per l'informatica. Ci sono professionisti che purtroppo hanno bisogno di costosi programmi a pagamento. Sulla bilancia economica di una famiglia il computer pesa, e anche i relativi programmi, per via dei costi noti a tutti, che distribuiti in un anno forse sono meno percepibili, ma ci sono.

Come puo' fare il cittadino o un gruppo di persone ad abbattere i costi?
Per cominciare, occorre avere il coraggio di ignorare gli strilli della pubblicita' e fare attenzione ad acquistare il computer ultimo modello. Nel giro di pochi mesi i computer che trovavamo a 1.500 euro sono spesso acquistabili ad un prezzo notevolmente inferiore. Anche un usato intelligente puo' essere rivalutato, anche computer ben piu' vecchi recuperati con programma "Linux" sono una opzione interessante ed a buon mercato. Molte persone che corrono dietro ai videogiochi, lo vogliono dell'ultimo modello e questi sistemi necessitano spesso dei migliori processori in circolazione, e di schede video costose. Se si ha la pazienza di aspettare, spesso dopo solo sei mesi una versione di un videogioco la si trova ad un prezzo molto, molto minore di quando era esposto come una novita'.
L'unica spesa veramente sensata e' una connessione veloce ADSL, grazie a cui scaricare grandi quantita' di risorse gratuite, meglio se a tariffa fissa mensile, grazie a cui si puo' lasciare un computer collegato a scaricare, scaricare, scaricare per ore o giorni senza grandi costi.
L'accesso alle risorse informatiche gratuite e' sicuramente l'investimento piu' sensato. Infatti i programmi diventano vecchi velocemente, ponendo le premesse per l'acquisto di ulteriore software.
I consumatori debbono cercare di utilizzare prevalentemente risorse gratuite, versioni freeware dei programmi altrimenti rincorrere spese su spese che influiscono sul proprio bilancio in modo eccessivo.
In Italia ci sono molti programmi crakkati e duplicazioni illegali. C'e anche chi ha fatto la scelta, radicale ed illegale, di non comprare alcun dvd perche' si scarica in condivisione di file i vari film e prodotti multimediali, grazie a sistemi come Kazaa, WinMx, Gnutella, ecc.; costoro arrivano non solo a risparmiare, ma cedono cd ad amici e conoscenti. Molto meglio puntare da subito solo su programmi gratuiti, distribuiti senza spesa, che si possono installare senza limitazioni. Chi ha scelto Linux e in generale l'Open Source puo' avere un computer zeppo di risorse gratis, senza commettere illegalita', forse il solo costo e' il canone dell'Adsl o i cd del sistema operativo.Oggi il consumatore puo' scegliere di trarre dall'informatica ricchezze e utilita' al minor prezzo possibile, basta rifiutarsi di correre dietro alle mode e alla pubblicita'. I programmi freeware, il software gratuito sono ricchezze alla portata di tutti, mettiamoli al centro delle nostre scelte pensando alla velocita' con cui i programmi diventano vecchi, e alle spese che altrimenti sosteniamo annualmente.

Sos consumatori Telefono Blu ha lanciato una campagna per sostanziare questa idea anche da parte dei mezzi di comunicazione di massa. Per chi volesse aderire informarsi bastera' inviare email a consumatori@tiscalinet.it o sul sito www.sosconsumatori.it con una sezione dedicata.

 


how to add a hit counter to a website