Telefono Blu Consumatori

ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Città Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Low cost, in Europa 200 compagnie "fuori legge"

I viaggiatori lo dicono ormai da tempo: col low cost la trasparenza non decolla. Ma ora che se ne è accorta anche la Commissione Europea le cose sono destinate a cambiare. Da uno studio risulta che almeno 200 siti delle compagnie aeree europee forniscono informazioni fuorvianti. Soprattutto trascurando di dare gli importi "accessori" (tasse aeroportuali, assicurazioni ecc.) che incidono sul costo del biglietto, spesso per più del 100%.

La Commissione evita, per ora, di fare i nomi delle compagnie "incriminate", dando loro la possibilità di correggere le informazioni ingannevoli. Ma dal prossimo anno potrà intervenire per far chiudere i siti che non si adeguano alla normativa europea.

Siti al setaccio
E' il risultato di una ricerca a tappeto svolta dagli organismi di controllo del trasporto aereo di 15 paesi, svoltosi nell'arco di un weekend di settembre. Sono state passate al vaglio le offerte commerciali di 400 siti e la metà di queste non sono risultate conformi alle leggi europee.

Le scorrettezze sono riconducibili a tre categorie principali:

  1. i prezzi pubblicizzati non comprendono le tasse e gli altri costi accessori,

  2. i voli pubblicizzati come "gratuiti" non lo sono davvero,

  3. ci sono degli automatismi che obbligano di fatto all'acquisto di polizze assicurative.

Dall'indagine della Commissione Ue risulta che le più fuorvianti sono le compagnie belghe: 46 siti su 48 hanno informazioni scorrette. La nazione più virtuosa è invece l'Austria con "solo" 9 compagnie su 20 "fuori legge

Vai alla Home Page


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website