ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

L'ictus

Segni premonitori
Torpore o paralisi di faccia, gamba e braccio. Improvviso annebbiamento o calo della vista. Difficolta' di espressione perdita della coordinazione improvvisa, inspiegabile emicrania.

La prevenzione
Controllo della pressione, diabete, eventuali deficit di coagulazione del sangue, elettrocardiogramma, ecodoppler dei vasi cervicali. Fumo, alcol, obesita', vita sedentaria ed eccesso di zuccheri nel sangue sono i principali fattori di insorgenza di placche.

Fattori di rischio non modificabili
L’eta': tra i 65 anni e gli 80 anni;
Il sesso: l’ictus colpisce piu' gli uomini delle donne;
l’ereditarieta': il rischio e maggiore se un genitore, un nonno o un fratello hanno avuto l’ictus.

Fattori di rischio modificabili
Colesterolo: avere un livello di LDL superiore a 160 costituisce un fattore di rischio.
Lo stesso dicasi per i valori dei trigliceridi superiori a 200.
Al contrario, i livelli elevati di colestorolo “buono” HDL (oltre 40) abbassano il rischio di malattiva coronarica e di ictus. Fibrillazione atriale, malattie della carotide, ipertensione, diabete.

 

COSI’ IN ITALIA

  • 185.000 le persone colpite ogni anno da ictus. Circa 150.000 sono dovuti a casi nuovi e 35.000 alle recidive.
    Il 12% di tutti i decessi.

  • In italia si conta piu' o meno un ictus ogni tre minuti.
    E' la terza patologia dopo le malattie del cuore e le neoplasie.

  • Le persone piu' interessate hanno un'eta' compresa tra i 65 e gli 85 anni.
    Un terzo presenta un invalidita' permanente.

  • 6,5% il tasso di prevalenza della malattia nella fascia di popolazione anziana.
    Gli uomini risultano essere piu' colpiti delle donne.

 

Come difendersi

Segni premonitori: Torpore o paralisi di faccia, gambe o braccio. Improvviso annebbiamento o calo della vista. Difficolta' di espressione, perdita della coordinazione, improvvisa, inspiegabile emicrania.

La prevenzione: Controllo della pressione, diabete, eventuali deficit di coagulazione del sangue, elettrocardiogramma, ecodoppler dei vasi cervicali.
Fumo, alcol, obesita', vita sedentaria ed eccesso di zuccheri nel sangue sono i principali fattori di insorgenza di placche.

Fattori di rischio
Non modificabili: L’eta' tra i 65 anni e gli 80 anni Il sesso: l’ictus colpisce piu' gli uomini che le donne. L’ereditarieta': il rischio e' maggiore se un genitore, un nonno o un fratello hanno avuto l’ictus.
Modificabili: Colesterolo: avere un livello di colesterolo LDL superiore a 160 costituisce un fattore rischio. Lo stesso vale per i valori di trigliceridi superiori a 200. Al contrario, i livelli elevati di colesterolo “buono” HDL (oltre 40) abbassano il rischio di malattia coronaria e di ictus. Fibrillazione striale, malattie della carotide, ipertensione, diabete.

 


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Cittą Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website