ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Consigli utili per chi parte

Decalogo

Se avete versato la caparra ricordatevi che il recesso, il risarcimento e la penale dipendono dal tipo di contratto pattuito. La motivazione e' nel diritto di recesso e nella tipologia di caparra. Se e' penitenziale si perde tutta, se e' cofirmataria puo' dare adito a richiesta totale di rimborso da una parte e dall’altra. La maggior parte degli accordi avviene per telefono o per e mail e se no ha previsto un versamento in genere si risolve bonariamente. Ricordarsi pero' che  se avete occupato  la  camera anche solo con le valigie di fatto significa gia' il dover pagare tre notti, secondo gli usi e le consuetudini.

In camera potete avere subito anche un furto, ricordarsi che il codice indica fino ad un massimo di 100 giorni di permanenza il rimborso. Il tutto vale pero' se non vi era cassetta di sicurezza e se si e' dichiarato il tutto all’arrivo.

Esistono contratti verbale e contratti scritti (solenni), questi secondi sono di fatto obbligatori con l’introduzione della 111 del 95. Significa che chi acquista un pacchetto viaggi deve sottoscrivere un contratto che non deve avere contraente debole e che viene siglato in accordo dalle controparti. Per ogni contenzioso ad esso si fa fede. Per cui occorre leggerlo bene, scriverlo bene e perderci un po' di tempo.

Se il viaggio viene modificato da chi l’ha venduto potete cambiarlo o rinunciarvi con restituzione del pagamento, il viaggio puo' essere modificato fino e non oltre il 10% in caso di svalutazione moneta. Attenzione al recesso nel contratto o nel depliant allegato sono scritte le regole per il recesso dai trenta giorni alla partenza scattano forme di penalita' fino alla perdita di tutta la quota per rinuncia. Si puo' sempre trovare qualcuno che ti sostituisca.

Arrivati a destinazione puo' essere accaduto di tutto, occorre costruirsi le prove della contestazione, con filmati foto, testimonianze, documentazioni ecc. Contestando gia' all’arrivo le inadempienze e pretendendo i cambiamenti da subito se non corrispondenti.. Ora che siete tornati  occorre inviare raccomandata a chi ha venduto il viaggio e consultare Telefono Blu per la opportuna modulistica ed assistenza conciliativa e legale. Le prescrizione dura un anno.

Se avete acquistato il viaggio “pacchetto” avete 10 giorni dal vostro rientro per la contestazione del viaggio altrimenti avete anche un anno. L’importante e' inviare una raccomandata.

Per i problemi con i voli aerei (ritardi, annullamenti, overbooking, valigie) ma non solo ricordarsi, che alla 4 ora si puo' chiedere il risarcimento. Secondo la convenzione di Varsavia esistono rimborsi automatici ma  si puo' chiedere il risarcimento di ogni danno. Telefono Blu sottolinea come gli automatismi nei rimborsi danneggiano i turisti consumatori.

 

Le domande ricorrenti

Avete viaggiato con un Tour Operator, pacchetto di viaggi?
Ricordatevi di calcolare per l’invio della raccomandata con la protesta e la richiesta dei danni 10 giorni feriali, ed in caso di ritardo a voi non imputabile  in base alle condizioni.

Quale e' il giudice naturale?
Non e' detto che sia quello del Tour Operator potrebbe essere anche quello di chi ha subito il danno, ma dipende dal Giudice

Cosa bisogna fare?
Bisogna avere con se' tutte le prove e certificarle in modo da significare il disagio, la raccomandata pone le condizioni di una conciliazione, solo dopo agire legalmente

Se siete turista fai da te?
Ricordatevi che il codice civile e quindi il contratto regolano il rapporto. Inviare raccomandata non necessariamente entro i dieci giorni (anche se e' preferibile) richiedendo il risarcimento del danno e precisando quale problema e' sorto

Bagagli e ritardi?
Compilare il modulo in aeroporto non sempre basta. Occorre inviare raccomandata con richiesta danni dopo due giorni dallo smarrimento del bagaglio e dopo quattro ore di ritardo

Disagi con i vettori?
Le carte dei servizi spesso non servono a nulla, il vero problema e' che bisogna contestare ritardi e disagi, ricordando il mancato rispetto delle condizioni del contratto che nasce con l’acquisto del titolo di viaggio. Per cui chiedere al treno, al traghetto, alla nave, all’aereo sempre il risarcimento del biglietto ed eventuali altre spese aggiuntive. Per le autostrade Telefono Blu propone che in caso di manifestino ingorghi non si paghi il pedaggio

Siete stati in vacanza in un albergo, in un villaggio, in un appartamento?
Non tralasciate tutte le discordanze con le promesse fatte e proclamate sia per iscritto che a voce. Richiedete sulle specifiche voci il risarcimento. Se avete avuto spese aggiuntive fatevele rimborsare. Segnalare sempre le condizioni igieniche ed alimentari, nonche' le violazioni tipiche

Volete fare la tutela fai da te?
Non conviene sempre, meglio agire separatamente ma insieme a Telefono Blu. la controparte prendera'  con piu' attenzione il problema. Non vi fidate di chi minaccia o non vi considera, il vostro problema e' serio

 


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Cittą Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website