ORGANISMO DI TUTELA DEL TURISTA
E DEL CONSUMATORE
E PER LA QUALITA' DEL TURISMO
"Aiutaci ad aiutarti"

Chi siamo Magazine on-line Comunicati stampa Sedi regioni e Cittą Modulistica
Iscrizione/Associati Quesiti, progetti, FAQ Esperto risponde Download, forum, chat Sos Turista

Avamposto 55

Si chiamerą "Avamposto 55", come il numero delle edizioni del Festival, l'iniziativa charity fortemente voluta da Paolo Bonolis. In collaborazione con il segretariato sociale Rai e il ministero degli Affari Esteri, sarą varata una grande operazione umanitaria per aiutare la regione tra il Ciad e il Sudan dove dal 2003 e' in corso la pił grande catastrofe umanitaria degli ultimi anni che ha gią causato decine di migliaia di vittime e circa 2 milioni di sfollati.

Sanremo, inteso come "enorme volano", secondo le parole di Bonolis, contribuirą a realizzare una scuola-ospedale e ad aprire un conto bancario con il quale potrą aiutare le popolazioni l'ex governatore di Nassiriya Barbara Contini oggi a capo dell'ufficio di cooperazione recentemente aperto dal ministero degli Esteri a Nyala nel sud del Darfur. "Non verrą chiesto nulla agli spettatori - ha precisato Bonolis - ma sarą un'autotassazione da parte degli ospiti, di me stesso, della Rai, dei Monopoli di Stato, degli sponsor e delle case discografiche". Avamposto '55 fa parte di una nuova campagna di sensibilizzazione per la tragedia in Darfur. La cooperazione italiana e' da tempo attiva nella regione e il valore globale del suo intervento, fino ad oggi, e' di circa 10 milioni di euro. In Darfur sono presenti anche quattro ONG italiane: Cesvi, Coopi, Cosvi e Intersos che hanno costituito un comitato Darfur. (ANSAweb).

Oltre a Mike Tyson, Vasco Rossi e Clint Eastwood, Sanremo riserva un posto d'onore anche alla solidarietą. Per la sua 55ma edizione, il Festival della canzone italiana ha deciso infatti di dare vita all'iniziativa 'Avamposto 55', finalizzata a fornire aiuti umanitari alla martoriata regione africana del Darfur, compresa tra il Ciad e il Sudan.

L'operazione, varata in collaborazione con il segretariato sociale Rai e il Ministero degli Affari Esteri, contribuirą alla realizzazione di una scuola-ospedale e all'apertura di un conto bancario che sarą messo a disposizione della popolazione locale. In particolare, il conto bancario sarą affidato all'ex governatrice di Nassiriya Barbara Contini, oggi a capo dell'ufficio di cooperazione aperto dal ministero degli Esteri a Nyala, nel sud del Darfur.

"Non verrą chiesto nulla agli spettatori - ha precisato Bonolis - ma ci sarą un'autotassazione da parte degli ospiti, di me stesso, della Rai, dei Monopoli di Stato, degli sponsor e delle case discografiche".

Dal 2003 la regione africana del Darfur e' teatro di una gravissima tragedia umanitaria, le cui cause sono da ricercare nelle operazioni di pulizia etnica attuate ai danni della popolazione locale di pelle nera da gruppi di miliziani arabi appoggiati dal governo. Fino ad oggi le vittime sono gią decine di migliaia e gli sfollati circa 2 milioni.

L'Italia e' attiva da tempo nella regione, e il suo contributo fino ad oggi e' stimabile attorno ai 10 milioni di euro. In Darfur e' anche operativo un 'comitato Darfur' costituito dalle ONG italiane Cesvi, Coopi, Cosvi e Intersos.


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: SOS Consumatori - SOS Viaggiatore - Cittą Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

how to add a hit counter to a website